Hardware e ZFS

L’hardware utilizzato da Data Storage Security è stato progettato per soddisfare le esigenze delle piccole e medie imprese nel proteggere le risorse critiche e condividere file in modo rapido ed efficiente.

Centralizzando i dati su un singolo dispositivo si riducono infatti i problemi di gestione, assicurando tagli sulle spese. Le caratteristiche di grado enterprise assicurano una facile memorizzazione e il backup di grandi quantità di dati, riducendo al contempo i costi di storage e aumentando sensibilmente la velocità dei processi di lavoro.

Un potente sistema di ridondanza dei dati e funzionalità di ripristino assicura che i dati siano sempre al sicuro e recuperabili.
Facoltativamente, l’hardware può agire come un server di backup per altri dispositivi di archiviazione presenti presso la rete del Cliente e comprende una serie di funzionalità di business continuity e disaster recovery che custodiscono i dati aziendali a fronte di eventi imprevisti.

 

 

Hardware configuration


  Miniserver Supermicro Supermicro  Supermicro      
Supermicro
N.Bays 4 4 8 12 16
Max Size 4 Tb 4 Tb 12 Tb 16 Tb 24 Tb
Form factor Desktop 1U Rack Tower 2U Rack 3U Rack
Processor Athlon II, 1.30 GHz

CoreTM i3-3220 Processor

Intel Xeon Processor E5606 Intel Xeon Processor E5-2609 Intel Xeon Processor E5606
Memory 4GB RAM DDR3 2 x 4Gb KIT DDR3 2 x 8Gb KIT DDR3 2 x 8Gb KIT DDR3 4 x 8Gb KIT DDR3
Ethernet 1 x 1 Gbit 2 x 1Gb 2 x 1Gb 4 x 1Gb

6 x 1Gb

2 x 10Gb

 

 

Connectivity


iSCI Included
CIFS Included
SMB Included
NFS v3



Snapshot ZFS


 

SNAPSHOT ZFS

ZFS è costituito su un insieme di pool di storage virtuali. I pool si basano su uno o più device virtuali (vdevs), ciascuno dei quali può fare riferimento ad un device fisico, ad un mirror (RAID 1) di uno o più device, oppure su un gruppo di device RAID Z.

ZFS utilizza il metodo transazionale ad oggetti copy-on-write. Tutti i puntatori ai blocchi contengono un checksum a 256 bit. Il blocco viene controllato ad ogni lettura. I blocchi contenenti dati non vengono mai sovrascritti: viene invece allocato un nuovo blocco dove vengono scritti i dati modificati. Ogni blocco di metadati che faceva riferimento al vecchio blocco viene sempre riallocato. Per ridurre l'overhead, le scritture multiple vengono raggruppate in transazioni.

Il sistema di backup utilizza la funzionalità di snapshot dello ZFS impostando un job di backup o replica remota tramite la funzionalità di scheduling dei job di backup e replica dell’interfaccia web di gestione della macchina.

Lo scheduling dei job di backup e replica può essere impostato per mantenere una retention locale fino a 24 snapshot ed una remota sul Data Vault DSS.

ZFS non sovrascrive i dati nei loro blocchi originari, fare una snapshot significa non cancellare i blocchi contenenti dati vecchi. Il vantaggio in questo processo è che gli snapshot sono molto veloci.

Il trasferimento dei dati tra lo storage server e il Data Vault DSS avviene utilizzando un tunnel ssh all’interno di un link VPN IPsec LAN2LAN.